sabato 16 dicembre 2017

FILIPPO BAGIOLI IN RESIDENZA A ONZO (SV)


CON FILIPPO BIAGIOLI PARTONO LE RESIDENZE D'ARTISTA A ONZO

Onzo – (SV) - Con la mostra Croci Esoteriche dell’Artista toscano Filippo Biagioli, la Fondazione Tribaleglobale presenta Mercoledì 22 dicembre alle ore 18 a Onzo, in provincia di Savona, nei locali della Canonica in via Capitolo 8, il progetto Residenze per Artisti, nuova struttura operativa di Fondazione Tribaleglobale destinata ad ospitare per brevi periodi artisti provenienti da tutto il mondo, che lasceranno un’opera nel piccolo borgo ligure sempre più votato all’arte.

Ci sarà anche un “Presepe”, incardinato secondo la tradizione di Tribaleglobale nel dialogo tra una antica Natività di ispirazione raffaellesca e sculture di cultura Adan (Togo). La scelta dei curatori è di focalizzare l’attenzione sulla forza salvifica della Croce, in un momento in cui la sofferenza è purtroppo palpabile e diffusa, per un Natale di riflessione e impegno.
 

PRESENTAZIONE DELLA LA MOSTRA 

La prima potenza della Croce sta nella sua forma: è indubbiamente il modo più naturale e immediato per interagire con un cerchio, ovvero la forma più “universale” che si possa immaginare, essendo quella dei corpi celesti...segnare un cerchio con una linea orizzontale ed una verticale di fatto significa definire un sopra e un sotto, e conseguentemente posizionare e posizionarsi verticalmente rispetto a questa linea . Siamo già avanti...abbiamo definito con un gesto il cielo e la terra, e quello che sta dentro ad entrambi...proseguendo possiamo concettualizzare vita e morte, bene e male...ma nel segno della Croce abbiamo preso le misure al mondo cercando di definirlo, di interagirci e di concettualizzare questa interazione introducendo anche un giudizio morale. Fin dai tempi remoti è simbolo di umanità e vita: dalla svastica - poi violata dalla barbarie nazista ma per millenni simbolo di pace in diverse culture orientali - all’Ankh egizia, al Tau greco/fenicio poi adottato da San Francesco.

Ma è con la Rivoluzione Cristiana che questo simbolo assume una profondità salvifica, dà un senso alla sofferenza come esperienza resiliente che trasforma l’immanente nel trascendente, collocando il mistero della vita dentro qualcosa di più grande che si può ri/conoscere in ciascuno di noi:

E’ una potenza che continua ad ispirare gli artisti, soprattutto quelli che non temono il dialogo impegnativo. Filippo Biagioli è certamente tra questi. Lo aiuta il suo sguardo “tribale”, ovvero legato al legame profondo tra il rito e il popolo che lo esprime, e l’assoluta libertà nell’accostare linguaggi artistici apparentemente lontani tra loro. Le Croci Esoteriche oggetto di questa esposizione sono incardinate in questo contesto: sono Croci Cristiane perché ogni simbolo rappresentato rimanda direttamente all’esperienza di Cristo- compresi quelli legati alla Santeria - , sono Croci Esoteriche perché la loro lettura prevede un cammino iniziatico, da “dentro” un Mistero - eṡotèrico agg. [dal lat. tardo esoterĭcus, gr. ἐσωτερικός, der. di ἔσω «dentro»- e grazie all’aiuto di un Maestro. Chi non ha paura delle parole, chi non vuole ridurle al banale senso comune, troverà stimolante e coraggioso il dialogo che Biagioli stabilisce tra il suo sentire e l’archetipo della Croce. Un simbolo indagato con uno sguardo originale e rispettoso, certamente lontano da posizioni mediocremente vicine o altrettanto mediocremente lontane da ciò che la Croce significa per milioni di persone.
 

martedì 12 dicembre 2017

Collettiva di Natale alla Casa dì Arte di Vercelli


COLLETTIVA DI NATALE ALLA CASA D’ ARTE DI VERCELLI
 

Vercelli - Sabato16 dicembre alle ore 18.00 presso i locali della Casa d'Arte in via Morosone 3, nel centro della città, si terrà il consueto aperitivo per augurare buon Natale agli Amici e ai Collezionisti della galleria.

Come ormai d'abitudine, oltre gli stuzzichini e le bollicine, sarà possibile ascoltare un pò di buona musica, dialogare in amicizia e visitare la Collettiva di Natale.

Quest'anno Paola Bertolazzi, direttrice artistica della Casa d’ Arte,  ha allestito un interessante mix tra artisti storici e contemporanei, iperrealisti e informali.

Esposte, tra l'altro, due acqueforti di Picasso, firmate in originale e provenienti dal Museo d'Orsay, un delizioso Massimo Campigli, un violino spezzato di Arman e i Concetti Spaziali di Lucio Fontana.

Tra i contemporanei le sempre affascinanti luminose di Marco Lodola, i decollages di Mimmo Rotella, i pinguini di Salvatore Zito, l'incubo di Ronaldo Farolfi, la frutta in posa di Gerico. 

Non mancheranno gli acquerelli e le ceramiche di Antonio De Luca e opere di altri Artisti internazionali.

Informazioni utili: Casa d’ Arte – Vercelli – Via Morosone 3 – Tel. 328.6725445 – 347.2554103.

 

domenica 10 dicembre 2017

Presentazione del volume "Orchidee del Piemonte...."


Presentazione del volume “Orchidee del Piemonte . Atlante e guida al riconoscimento

Torino – Venerdì 15 dicembre, presso l’ Aula Magna dell’ Orto Botanico di Torino, Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi di Viale Mattioli 25 in Torino, si tiene la presentazione del volume “Orchidee del Piemonte – Atlante e guida al riconoscimento” di Amalia Isaja, Lorenzo Dotti, Daniela Bombonati, edito da Edizioni Boreali.

Intervengono:  Rosa Camoletto, Conservatore responsabile sezione Botanica del Museo di Scienze Naturali di Torino e Consolata Siniscalco (Direttore dell’ Orto Botanico di Torino e Presidente della Società Botanica Italiana.

L’ incontro è organizzato dall’ Orto Botanico di Torino, dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino e dalla Sezione Piemonte-Valle d’ Aosta della Società Botanica Italiana.

Ingresso gratuito.